Giovedì 09 aprile 2020: «FATE QUESTO IN MEMORIA DI ME»

Giovedì 09 aprile 2020: «FATE QUESTO IN MEMORIA DI ME»


GIOVEDÌ’ SANTO (MESSA DEL CRISMA) e  (MESSA IN CENA DOMINI)


Carissimi, la celebrazione di questa sera apre le porte del sacro Triduo pasquale.  Nell’ultima Cena con i suoi discepoli Gesù istituisce l’Eucaristia e il sacerdozio e ci consegna il “comandamento nuovo” dell’amore fraterno, visibile nel segno della lavanda dei piedi.  Apriamo i nostri cuori all’amore e lasciamoci coinvolgere nei misteri centrali della nostra fede.


(MESSA DEL CRISMA)

 

PRIMA LETTURA (Is 61,1-3.6.8-9)

Il Signore mi ha consacrato con l’unzione; mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai miseri e a dare loro un olio di letizia.

Dal libro del profeta Isaìa

 

Lo spirito del Signore Dio è su di me,

perché il Signore mi ha consacrato con l’unzione;

mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai miseri,

a fasciare le piaghe dei cuori spezzati,

a proclamare la libertà degli schiavi,

la scarcerazione dei prigionieri,

a promulgare l’anno di grazia del Signore,

il giorno di vendetta del nostro Dio,

per consolare tutti gli afflitti,

per dare agli afflitti di Sion

una corona invece della cenere,

olio di letizia invece dell’abito da lutto,

veste di lode invece di uno spirito mesto.

 

Voi sarete chiamati sacerdoti del Signore,

ministri del nostro Dio sarete detti.

 

Io darò loro fedelmente il salario,

concluderò con loro un’alleanza eterna.

Sarà famosa tra le genti la loro stirpe,

la loro discendenza in mezzo ai popoli.

Coloro che li vedranno riconosceranno

che essi sono la stirpe benedetta dal Signore.

 

Parola di Dio


 

SALMO RESPONSORIALE (Sal 88)

Rit: Canterò per sempre l’amore del Signore.

Ho trovato Davide, mio servo,

con il mio santo olio l’ho consacrato;

la mia mano è il suo sostegno,

il mio braccio è la sua forza.

 

La mia fedeltà e il mio amore saranno con lui

e nel mio nome s’innalzerà la sua fronte.

Egli mi invocherà: «Tu sei mio padre,

mio Dio e roccia della mia salvezza».

SECONDA LETTURA (Ap 1,5-8)

Cristo ha fatto di noi un regno, sacerdoti per il suo Dio e Padre.

Dal libro dell’Apocalisse di san Giovanni apostolo

 

Grazia a voi e pace da Gesù Cristo, il testimone fedele, il primogenito dei morti e il sovrano dei re della terra.

 

A Colui che ci ama e ci ha liberati dai nostri peccati con il suo sangue, che ha fatto di noi un regno, sacerdoti per il suo Dio e Padre, a lui la gloria e la potenza nei secoli dei secoli. Amen.

 

Ecco, viene con le nubi e ogni occhio lo vedrà,

anche quelli che lo trafissero,

e per lui tutte le tribù della terra

si batteranno il petto.

Sì, Amen!

 

Dice il Signore Dio: io sono l’Alfa e l’Omèga, Colui che è, che era e che viene, l’Onnipotente!

 

Parola di Dio


 

Canto al Vangelo (Is 61,1)

Gloria e lode a te, Cristo Signore!

 

Lo Spirito del Signore è sopra di me:

mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio.

 

Gloria e lode a te, Cristo Signore!


 

VANGELO (Lc 4,16-21)

Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l’unzione.

+ Dal Vangelo secondo Luca

 

In quel tempo, Gesù venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaìa; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:

 

“Lo Spirito del Signore è sopra di me;

per questo mi ha consacrato con l’unzione

e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,

a proclamare ai prigionieri la liberazione

e ai ciechi la vista;

a rimettere in libertà gli oppressi

e proclamare l’anno di grazia del Signore”.

 

Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».

 

Parola del Signore

Rinnovazione delle promesse sacerdotali

 

Dopo l’omelia, il vescovo si rivolge ai presbiteri con queste parole:

 

Carissimi presbiteri,

la santa Chiesa celebra la memoria annuale del giorno

in cui Cristo Signore comunicò agli apostoli e a noi il suo sacerdozio.

Volete rinnovare le promesse,

che al momento dell’ordinazione

avete fatto davanti al vostro vescovo e al popolo santo

di Dio?

 

Presbiteri: Sì, lo voglio.

 

Volete unirvi intimamente al Signore Gesù,

modello del nostro sacerdozio,

rinunziando a voi stessi

e confermando i sacri impegni

che, spinti dall’amore di Cristo,

avete assunto liberamente verso la sua Chiesa?

 

Presbiteri: Sì, lo voglio.

 

Volete essere fedeli dispensatori dei misteri di Dio

per mezzo della santa Eucaristia e delle altre azioni

liturgiche,

e adempiere il ministero della parola di salvezza

sull’esempio del Cristo, capo e pastore,

lasciandovi guidare non da interessi umani,

ma dall’amore per i vostri fratelli?

 

Presbiteri: Sì, lo voglio.

 

Quindi, rivolgendosi al popolo, il vescovo continua:

 

E ora, figli carissimi, pregate per i vostri sacerdoti:

che il Signore effonda su di loro

l’abbondanza dei suoi doni,

perché siano fedeli ministri di Cristo, sommo sacerdote,

e vi conducano a lui, unica fonte di salvezza.

 

Diacono: Per tutti i nostri sacerdoti, preghiamo.

 

Ascoltaci, Signore.

 

Vescovo:

E pregate anche per me,

perché sia fedele al servizio apostolico,

affidato alla mia umile persona,

e tra voi diventi ogni giorno di più immagine viva

e autentica del Cristo sacerdote, buon pastore,

maestro e servo di tutti.

 

Diacono: Per il nostro vescovo N., preghiamo.

 

Ascoltaci, Signore.

 

Vescovo:

Il Signore ci custodisca nel suo amore

e conduca tutti noi, pastori e gregge,

alla vita eterna.

 

Amen.

 

Non si dice il Credo e si omette la preghiera universale.

Preghiera sulle offerte

La potenza pasquale di questo sacrificio

elimini, Signore, in noi le conseguenze del peccato

e ci faccia crescere come nuove creature.

Per Cristo nostro Signore.

PREFAZIO

Il sacerdozio di Cristo e il ministero dei sacerdoti.

 

È veramente cosa buona e giusta,

nostro dovere e fonte di salvezza,

rendere grazie sempre e in ogni luogo

a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno.

Con l’unzione dello Spirito Santo

hai costituito il Cristo tuo Figlio

Pontefice della nuova ed eterna alleanza,

e hai voluto che il suo unico sacerdozio

fosse perpetuato nella Chiesa.

Egli comunica il sacerdozio regale

a tutto il popolo dei redenti,

e con affetto di predilezione sceglie alcuni tra i fratelli

che mediante l’imposizione delle mani

fa partecipi del suo ministero di salvezza.

Tu vuoi che nel suo nome

rinnovino il sacrificio redentore,

preparino ai tuoi figli la mensa pasquale,

e, servi premurosi del tuo popolo,

lo nutrano con la tua parola

e lo santifichino con i sacramenti.

Tu proponi loro come modello il Cristo, perché,

donando la vita per te e per i fratelli,

si sforzino di conformarsi all’immagine del tuo Figlio,

e rendano testimonianza di fedeltà e di amore generoso.

Per questo dono del tuo amore, o Padre,

insieme con tutti gli angeli e i santi,

cantiamo con esultanza l’inno della tua lode: Santo…

 

 


GIOVEDÌ SANTO (MESSA IN CENA DOMINI)

 


 

PRIMA LETTURA (Es 12,1-8.11-14)

Prescrizioni per la cena pasquale.

Dal libro dell’ Èsodo

 

In quei giorni, il Signore disse a Mosè e ad Aronne in terra d’Egitto:

 

«Questo mese sarà per voi l’inizio dei mesi, sarà per voi il primo mese dell’anno. Parlate a tutta la comunità d’Israele e dite: “Il dieci di questo mese ciascuno si procuri un agnello per famiglia, un agnello per casa. Se la famiglia fosse troppo piccola per un agnello, si unirà al vicino, il più prossimo alla sua casa, secondo il numero delle persone; calcolerete come dovrà essere l’agnello secondo quanto ciascuno può mangiarne.

 

Il vostro agnello sia senza difetto, maschio, nato nell’anno; potrete sceglierlo tra le pecore o tra le capre e lo conserverete fino al quattordici di questo mese: allora tutta l’assemblea della comunità d’Israele lo immolerà al tramonto. Preso un po’ del suo sangue, lo porranno sui due stipiti e sull’architrave delle case nelle quali lo mangeranno. In quella notte ne mangeranno la carne arrostita al fuoco; la mangeranno con azzimi e con erbe amare. Ecco in qual modo lo mangerete: con i fianchi cinti, i sandali ai piedi, il bastone in mano; lo mangerete in fretta. È la Pasqua del Signore!

 

In quella notte io passerò per la terra d’Egitto e colpirò ogni primogenito nella terra d’Egitto, uomo o animale; così farò giustizia di tutti gli dèi dell’Egitto. Io sono il Signore! Il sangue sulle case dove vi troverete servirà da segno in vostro favore: io vedrò il sangue e passerò oltre; non vi sarà tra voi flagello di sterminio quando io colpirò la terra d’Egitto. Questo giorno sarà per voi un memoriale; lo celebrerete come festa del Signore: di generazione in generazione lo celebrerete come un rito perenne”».

 

Parola di Dio


 

SALMO RESPONSORIALE (Sal 115)

Rit: Il tuo calice, Signore, è dono di salvezza.

Che cosa renderò al Signore,

per tutti i benefici che mi ha fatto?

Alzerò il calice della salvezza

e invocherò il nome del Signore.

 

Agli occhi del Signore è preziosa

la morte dei suoi fedeli.

Io sono tuo servo, figlio della tua schiava:

tu hai spezzato le mie catene.

 

A te offrirò un sacrificio di ringraziamento

e invocherò il nome del Signore.

Adempirò i miei voti al Signore

davanti a tutto il suo popolo.


 

SECONDA LETTURA (1Cor 11,23-26)

Ogni volta che mangiate questo pane e bevete al calice, voi annunciate la morte del Signore.

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

 

Fratelli, io ho ricevuto dal Signore quello che a mia volta vi ho trasmesso: il Signore Gesù, nella notte in cui veniva tradito, prese del pane e, dopo aver reso grazie, lo spezzò e disse: «Questo è il mio corpo, che è per voi; fate questo in memoria di me».

 

Allo stesso modo, dopo aver cenato, prese anche il calice, dicendo: «Questo calice è la Nuova Alleanza nel mio sangue; fate questo, ogni volta che ne bevete, in memoria di me».

 

Ogni volta infatti che mangiate questo pane e bevete al calice, voi annunciate la morte del Signore, finché egli venga.

 

Parola di Dio


Canto al Vangelo (Gv 13,34)

Gloria e lode e onore a te, Cristo Signore!

 

Vi do un comandamento nuovo, dice il Signore:

come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri.

 

Gloria e lode e onore a te, Cristo Signore!


 

VANGELO (Gv 13,1-15)

Li amò sino alla fine.

+ Dal Vangelo secondo Giovanni

 

Prima della festa di Pasqua, Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine.

 

Durante la cena, quando il diavolo aveva già messo in cuore a Giuda, figlio di Simone Iscariota, di tradirlo, Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, si alzò da tavola, depose le vesti, prese un asciugamano e se lo cinse attorno alla vita. Poi versò dell’acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l’asciugamano di cui si era cinto.

 

Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: «Signore, tu lavi i piedi a me?». Rispose Gesù: «Quello che io faccio, tu ora non lo capisci; lo capirai dopo». Gli disse Pietro: «Tu non mi laverai i piedi in eterno!». Gli rispose Gesù: «Se non ti laverò, non avrai parte con me». Gli disse Simon Pietro: «Signore, non solo i miei piedi, ma anche le mani e il capo!». Soggiunse Gesù: «Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto puro; e voi siete puri, ma non tutti». Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: «Non tutti siete puri».

 

Quando ebbe lavato loro i piedi, riprese le sue vesti, sedette di nuovo e disse loro: «Capite quello che ho fatto per voi? Voi mi chiamate il Maestro e il Signore, e dite bene, perché lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi».

 

Parola del Signore


Lavanda dei piedi

 

Dove motivi pastorali lo consigliano, dopo l’omelia ha luogo la lavanda dei piedi. I prescelti per il rito – uomini o ragazzi – vengono accompagnati dai ministri agli scanni preparati per loro in un luogo adatto.

Il sacerdote (deposta, se è necessario, la casula) si porta davanti a ciascuno di essi e, con l’aiuto dei ministri, versa dell’acqua sui piedi e li asciuga.

Durante il rito, si cantano alcune antifone, scelte tra quelle proposte, o altri canti adatti alla circostanza.

 

 

ANTIFONA PRIMA (cf. Gv 13,4.5.15)

 

Il Signore si alzò da tavola versò dell’acqua in un catino,

e cominciò a lavare i piedi ai discepoli:

ad essi volle lasciare questo esempio.

 

 

ANTIFONA SECONDA (Gv 13,6.7.8)

 

“Signore, tu lavi i piedi a me?”.

Gesù gli rispose dicendo:

“Se non ti laverò, non avrai parte con me”.

  1. Venne dunque a Simon Pietro, e disse a lui Pietro:

– Signore, tu lavi…

  1. “Quello che io faccio, ora non lo comprendi,

ma lo comprenderai un giorno”.

– Signore, tu lavi…

 

 

ANTIFONA TERZA (cf. Gv 13,14)

 

“Se vi ho lavato i piedi,

io, Signore e Maestro,

quanto più voi avete il dovere

di lavarvi i piedi l’un l’altro”.

 

 

ANTIFONA QUARTA (Gv 13,35)

 

“Da questo tutti sapranno

che siete miei discepoli,

se vi amerete gli uni gli altri”.

  1. Gesù disse ai suoi discepoli:

– Da questo tutti sapranno…

 

 

ANTIFONA QUINTA (Gv 13,34)

 

“Vi do un comandamento nuovo:

che vi amiate gli uni gli altri

come io ho amato voi”, dice il Signore.

 

 

ANTIFONA SESTA (cf. 1Cor 13,13)

 

Fede, speranza e carità,

tutte e tre rimangano tra voi:

ma più grande di tutte è la carità.

  1. Fede, speranza e carità,

tutte e tre le abbiamo qui al presente:

ma più grande di tutte è la carità.

– Fede…

 


Subito dopo la lavanda dei piedi – quando questa ha luogo – oppure dopo l’omelia, si dice la preghiera universale.

In questa Messa si omette il Credo.

 


Liturgia Eucaristica

 

All’inizio della Liturgia eucaristica, si può disporre la processione dei fedeli che portano doni per i poveri.

Mentre si svolge la processione, si esegue il canto seguente o un altro canto adatto.

 

 

Dov’è carità e amore, lì c’è Dio.

 

Ci ha riuniti tutti insieme Cristo, amore.

Rallegriamoci, esultiamo nel Signore!

Temiamo e amiamo il Dio vivente,

e amiamoci tra noi con cuore sincero.

 

Noi formiamo, qui riuniti, un solo corpo:

evitiamo di dividerci tra noi,

via le lotte maligne, via le liti

e regni in mezzo a noi Cristo Dio.

 

Fa’ che un giorno contempliamo il tuo volto

nella gloria dei beati, Cristo Dio.

E sarà gioia immensa, gioia vera:

durerà per tutti i secoli senza fine.


 

(MESSA IN CENA DOMINI)

 


 

PRIMA LETTURA (Es 12,1-8.11-14)

Prescrizioni per la cena pasquale.

Dal libro dell’Èsodo

 

In quei giorni, il Signore disse a Mosè e ad Aronne in terra d’Egitto:

 

«Questo mese sarà per voi l’inizio dei mesi, sarà per voi il primo mese dell’anno. Parlate a tutta la comunità d’Israele e dite: “Il dieci di questo mese ciascuno si procuri un agnello per famiglia, un agnello per casa. Se la famiglia fosse troppo piccola per un agnello, si unirà al vicino, il più prossimo alla sua casa, secondo il numero delle persone; calcolerete come dovrà essere l’agnello secondo quanto ciascuno può mangiarne.

 

Il vostro agnello sia senza difetto, maschio, nato nell’anno; potrete sceglierlo tra le pecore o tra le capre e lo conserverete fino al quattordici di questo mese: allora tutta l’assemblea della comunità d’Israele lo immolerà al tramonto. Preso un po’ del suo sangue, lo porranno sui due stipiti e sull’architrave delle case nelle quali lo mangeranno. In quella notte ne mangeranno la carne arrostita al fuoco; la mangeranno con azzimi e con erbe amare. Ecco in qual modo lo mangerete: con i fianchi cinti, i sandali ai piedi, il bastone in mano; lo mangerete in fretta. È la Pasqua del Signore!

 

In quella notte io passerò per la terra d’Egitto e colpirò ogni primogenito nella terra d’Egitto, uomo o animale; così farò giustizia di tutti gli dèi dell’Egitto. Io sono il Signore! Il sangue sulle case dove vi troverete servirà da segno in vostro favore: io vedrò il sangue e passerò oltre; non vi sarà tra voi flagello di sterminio quando io colpirò la terra d’Egitto. Questo giorno sarà per voi un memoriale; lo celebrerete come festa del Signore: di generazione in generazione lo celebrerete come un rito perenne”».

 

Parola di Dio


 

SALMO RESPONSORIALE (Sal 115)

Rit: Il tuo calice, Signore, è dono di salvezza.

Che cosa renderò al Signore,

per tutti i benefici che mi ha fatto?

Alzerò il calice della salvezza

e invocherò il nome del Signore.

 

Agli occhi del Signore è preziosa

la morte dei suoi fedeli.

Io sono tuo servo, figlio della tua schiava:

tu hai spezzato le mie catene.

 

A te offrirò un sacrificio di ringraziamento

e invocherò il nome del Signore.

Adempirò i miei voti al Signore

davanti a tutto il suo popolo.


 

SECONDA LETTURA (1Cor 11,23-26)

Ogni volta che mangiate questo pane e bevete al calice, voi annunciate la morte del Signore.

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

 

Fratelli, io ho ricevuto dal Signore quello che a mia volta vi ho trasmesso: il Signore Gesù, nella notte in cui veniva tradito, prese del pane e, dopo aver reso grazie, lo spezzò e disse: «Questo è il mio corpo, che è per voi; fate questo in memoria di me».

 

Allo stesso modo, dopo aver cenato, prese anche il calice, dicendo: «Questo calice è la Nuova Alleanza nel mio sangue; fate questo, ogni volta che ne bevete, in memoria di me».

 

Ogni volta infatti che mangiate questo pane e bevete al calice, voi annunciate la morte del Signore, finché egli venga.

 

Parola di Dio


 

Canto al Vangelo (Gv 13,34)

Gloria e lode e onore a te, Cristo Signore!

 

Vi do un comandamento nuovo, dice il Signore:

come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri.

 

Gloria e lode e onore a te, Cristo Signore!


 

VANGELO (Gv 13,1-15)

Li amò sino alla fine.

+ Dal Vangelo secondo Giovanni

 

Prima della festa di Pasqua, Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine.

 

Durante la cena, quando il diavolo aveva già messo in cuore a Giuda, figlio di Simone Iscariota, di tradirlo, Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, si alzò da tavola, depose le vesti, prese un asciugamano e se lo cinse attorno alla vita. Poi versò dell’acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l’asciugamano di cui si era cinto.

 

Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: «Signore, tu lavi i piedi a me?». Rispose Gesù: «Quello che io faccio, tu ora non lo capisci; lo capirai dopo». Gli disse Pietro: «Tu non mi laverai i piedi in eterno!». Gli rispose Gesù: «Se non ti laverò, non avrai parte con me». Gli disse Simon Pietro: «Signore, non solo i miei piedi, ma anche le mani e il capo!». Soggiunse Gesù: «Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto puro; e voi siete puri, ma non tutti». Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: «Non tutti siete puri».

 

Quando ebbe lavato loro i piedi, riprese le sue vesti, sedette di nuovo e disse loro: «Capite quello che ho fatto per voi? Voi mi chiamate il Maestro e il Signore, e dite bene, perché lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi».

 

Parola del Signore


 

Lavanda dei piedi

 

Dove motivi pastorali lo consigliano, dopo l’omelia ha luogo la lavanda dei piedi. I prescelti per il rito – uomini o ragazzi – vengono accompagnati dai ministri agli scanni preparati per loro in un luogo adatto.

Il sacerdote (deposta, se è necessario, la casula) si porta davanti a ciascuno di essi e, con l’aiuto dei ministri, versa dell’acqua sui piedi e li asciuga.

Durante il rito, si cantano alcune antifone, scelte tra quelle proposte, o altri canti adatti alla circostanza.

 

 

ANTIFONA PRIMA (cf. Gv 13,4.5.15)

 

Il Signore si alzò da tavola versò dell’acqua in un catino,

e cominciò a lavare i piedi ai discepoli:

ad essi volle lasciare questo esempio.

 

 

ANTIFONA SECONDA (Gv 13,6.7.8)

 

“Signore, tu lavi i piedi a me?”.

Gesù gli rispose dicendo:

“Se non ti laverò, non avrai parte con me”.

  1. Venne dunque a Simon Pietro, e disse a lui Pietro:

– Signore, tu lavi…

  1. “Quello che io faccio, ora non lo comprendi,

ma lo comprenderai un giorno”.

– Signore, tu lavi…

 

 

ANTIFONA TERZA (cf. Gv 13,14)

 

“Se vi ho lavato i piedi,

io, Signore e Maestro,

quanto più voi avete il dovere

di lavarvi i piedi l’un l’altro”.

 

 

ANTIFONA QUARTA (Gv 13,35)

 

“Da questo tutti sapranno

che siete miei discepoli,

se vi amerete gli uni gli altri”.

  1. Gesù disse ai suoi discepoli:

– Da questo tutti sapranno…

 

 

ANTIFONA QUINTA (Gv 13,34)

 

“Vi do un comandamento nuovo:

che vi amiate gli uni gli altri

come io ho amato voi”, dice il Signore.

 

 

ANTIFONA SESTA (cf. 1Cor 13,13)

 

Fede, speranza e carità,

tutte e tre rimangano tra voi:

ma più grande di tutte è la carità.

  1. Fede, speranza e carità,

tutte e tre le abbiamo qui al presente:

ma più grande di tutte è la carità.

– Fede…

 


Subito dopo la lavanda dei piedi – quando questa ha luogo – oppure dopo l’omelia, si dice la preghiera universale.

In questa Messa si omette il Credo.


 

PREGHIERA DEI FEDELI

C – Il Signore Gesù ci ha invitati a fare, con lui, della nostra vita, un dono d’amore ai fratelli. Per questo apriamo il nostro cuore al rendimento di grazie.

Lettore – Preghiamo dicendo:

Donaci, Signore, il coraggio di amare.

1.Hai comandato ai tuoi discepoli di celebrare l’Eucaristia in tua memoria, per rendere presente il mistero pasquale: ti affidiamo il ministero del Papa e di tutti i ministri della Chiesa affinché siano sempre fedeli a questa grande vocazione, preghiamo:

2.Ti offri al tuo popolo come Pane di vita: infondi in coloro che ci governano, nei responsabili delle istituzioni e in coloro che sono al servizio del bene comune lo sguardo comun puro del tuo amore che si dona con limpida generosità, preghiamo:

3.Hai dato a noi la tua vita con amore infinito, rispondendo al tradimento con la potenza della misericordia: sostieni chi è deluso, chi si sente offeso e tradito, chi fatica a perdonare e a risolvere antichi conflitti, preghiamo:

4.Ci hai riuniti per celebrare la santa Cena, memoriale del tuo sacrificio sulla Croce: la comunione con te ci renda nuovi e liberi di abbracciare cammini di speranza, per testimoniare a tutti il tuo amore, preghiamo:

Intenzioni della comunità locale

C- O Cristo, che ti sei fatto servo per amore, aiutaci a credere che la vittoria non si ottiene con il conflitto e la violenza, ma nell’umile dono di noi stessi, con te, che vivi e regni nei secoli dei secoli.      

A -Amen

 


 

Liturgia Eucaristica

 

All’inizio della Liturgia eucaristica, si può disporre la processione dei fedeli che portano doni per i poveri.

Mentre si svolge la processione, si esegue il canto seguente o un altro canto adatto.

 

 

Dov’è carità e amore, lì c’è Dio.

 

Ci ha riuniti tutti insieme Cristo, amore.

Rallegriamoci, esultiamo nel Signore!

Temiamo e amiamo il Dio vivente,

e amiamoci tra noi con cuore sincero.

 

Noi formiamo, qui riuniti, un solo corpo:

evitiamo di dividerci tra noi,

via le lotte maligne, via le liti

e regni in mezzo a noi Cristo Dio.

 

Fa’ che un giorno contempliamo il tuo volto

nella gloria dei beati, Cristo Dio.

E sarà gioia immensa, gioia vera:

durerà per tutti i secoli senza fine.

Preghiera sulle offerte

Concedi a noi tuoi fedeli, Signore,

di partecipare degnamente ai santi misteri,

perché ogni volta che celebriamo

questo memoriale del sacrificio del Signore,

si compie l’opera della nostra redenzione.

Per Cristo nostro Signore.


 

PREFAZIO DELLA SS. EUCARISTIA I

L’Eucaristia memoriale del sacrificio di Cristo

 

È veramente cosa buona e giusta,

nostro dovere e fonte di salvezza,

rendere grazie sempre e in ogni luogo

a te, Signore, Padre santo,

Dio onnipotente e misericordioso,

per Cristo nostro Signore.

Sacerdote vero ed eterno,

egli istituì il rito del sacrificio perenne;

a te per primo si offrì vittima di salvezza,

e comandò a noi di perpetuare l’offerta in sua memoria.

Il suo corpo per noi immolato è nostro cibo e ci dà forza,

il suo sangue per noi versato

è la bevanda che ci redime da ogni colpa.

Per questo mistero del tuo amore,

uniti agli angeli e ai santi,

cantiamo con gioia l’inno della tua lode: Santo…

Antifona di comunione

“Questo è il mio corpo, che è per voi;

questo calice è la nuova alleanza

nel mio sangue”, dice il Signore.

“Fate questo ogni volta che ne prendete,

in memoria di me”. (1Cor 11,24.25)

 


 

Terminata la distribuzione della comunione, si lascia sull’altare la pisside con le particole per la comunione del giorno seguente; la Messa si conclude con l’orazione dopo la comunione.


Preghiera dopo la comunione

Padre onnipotente,

che nella vita terrena ci nutri alla Cena del tuo Figlio,

accoglici come tuoi commensali

al banchetto glorioso del cielo.

Per Cristo nostro Signore.

 


Reposizione del SS. Sacramento

Dopo l’orazione, il sacerdote, in piedi, dinanzi all’altare, pone l’incenso nel turibolo, si inginocchia e incensa per tre volte il Santissimo Sacramento; quindi, indossato il velo omerale, prende la pisside e la ricopre con il velo.

Si forma la processione che, attraverso la chiesa, accompagna il Santissimo Sacramento al luogo della reposizione, preparato in una cappella convenientemente ornata. Apre la processione il crocifero; si portano le candele accese e l’incenso. Intanto si canta l’inno Pange lingua (eccetto le due ultime strofe) o un altro canto eucaristico.

Giunta la processione al luogo della reposizione, il sacerdote depone la pisside; quindi pone l’incenso nel turibolo e, in ginocchio, incensa il Santissimo Sacramento, mentre si canta il Tantum ergo sacramentum ; chiude poi il tabernacolo o la custodia della reposizione.

Dopo alcuni istanti di adorazione in silenzio, il sacerdote e i ministri si alzano, genuflettono e ritornano in sacrestia.

Segue la spogliazione dell’altare; se è possibile, si rimuovono le croci dalla chiesa; quelle che rimangono in chiesa, è bene velarle.

Si esortino i fedeli, tenute presenti le circostanze e le diverse situazioni locali, a dedicare un po’ di tempo nella notte all’adorazione davanti al Santissimo Sacramento nel tabernacolo. Se l’adorazione si protrae oltre la mezzanotte, si faccia senza alcuna solennità.